Le caldarroste nel forno di casa

castagne arrostoAvete già mangiato le castagne ?

In questo periodo normalmente la castagna arrosto, mangiata dal cartoccio per strada, sarebbe un ottimo rimedio per riscaldarsi almeno le mani dal freddo autunnale e contemporaneamente elevare l’umore .

Ma con questo autunno che sembra primavera inoltrata (oggi il termometro segna 20 gradi e non c’è un alito di vento) forse i caldarroste delle feste di paese vendono un po’ di meno, senza contare che con la malattia dei castagni che quest’anno è stata davvero epidemica, i prezzi dei marroni sono alle stelle.

Comunque le castagne arrosto si possono preparare anche in casa.

I metodi principali sono due: sul fuoco, con la padella forata, ed al forno .

Certo avendo a disposizione un camino, o un barbeque, la soluzione alla fiamma è la migliore, ma il forno è una valida alternativa al fornello di casa, che non raggiunge la temperatura ideale  .

Il forno deve essere ben caldo 200º – 220º e preriscaldato al momento di introdurre la teglia con le castagne.

Queste devono essere state prima accuratamente incise.  Per questa operazione le opinioni sono molte e contrastanti: chi dice basta un taglioo, chi dice ci vuole la X . Chi dice che il taglio va fatto sulla parte piatta e chi sulla pancia tonda .

La verità è che l’importante è tagliare bene in fondo fino ad incidere la polpa della castagna.

Questa operazione serve a far uscire il vapore ed impedisce che la castagna ‘scoppi’.

Le castagne vanno messe in una teglia o su della stagnola poggiata sulla griglia .

Infatti se il taglio serve a far uscire il vapore significa che durante la cottura la castagna perde acqua. Quindi si essicca e si indurisce. Per impedire questo le castagne durante la cottura devono essere tenute umide cospargendoci sopra un po’ d’acqua. Se mettiamo le castagne direttamente sulla griglia ricevono meglio un calore uniforme, ma non le possiamo bagnare .

Durante la cottura devono essere smosse di continuo per non farle bruciare da una parte e se ci paiono troppo asciutte ripetere l’operazione di bagnatura. Alcuni sostituiscono l’acqua con il vino rosso.

La cottura dura dai 20 minuti ai 25 minuti, dipendentemente dalla grandezza della castagna. Sarebbe bene quindi che le castagne nella teglia abbiano tutte più o meno la stessa misura, per averle tutte cotte a puntino.

Le castagne sono cotte quando il loro colore è bello abbrustolito, lo spacco si apre a far vedere una polpa di un giallo acceso (ma questo dipende anche dalla qualità della castagna) e la buccia interna si stacca facimente .

Togliere le castagne dal forno e metterle in uno strofinaccio inumidito e stringerle per un minuto. Questo aiuterà a sbucciarle meglio .

Le castagne si sbucciano bene quando sono ancora calde. La pelle interna si deve togliere insieme alla buccia. Se si raffreddano e si sbucciano male si possono riscaldare rapidamente nel forno.

Gustatele comunque ben calde .


Le caldarroste nel forno di casa ultima modifica: 2011-11-01T19:23:12+00:00 da Salvatore - admin
Share

Hai qualche suggerimento ? Serve aiuto ?